4shared
DECRETO RISTORI Silvia Maria Calcioli Commercialista Roma

D.L. 28/10/2020 N. 137 – LE MISURE DEL DECRETO RISTORI

Il Decreto “Ristori” n. 137/2020 ha previsto una nuova serie di misure finalizzate a compensare gli effetti delle misure restrittive contenute negli ultimi Dpcm in materia di contrasto al Covid-19.
In particolare, tra le misure previste, si segnalano quelle considerate di maggior interesse.

  1. Contributi a Fondo Perduto
  2. Credito d’imposta canone di locazione immobili non abitativi
  3. Sospensione versamenti previdenziali e seconda rata IMU
  4. Altre disposizioni varie
  • Contributi a Fondo Perduto

    Contributi a Fondo Perduto

    L’articolo 1 riconosce un contributo a Fondo Perduto a favore di quei soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle rientranti tra i codici ATECO di cui all’Allegato 1.

    Si tratta, riassumendo, delle attività di:

    • Alberghi e attività turistico-ricettive
    • Bar, ristoranti, gelaterie e pasticcere
    • Taxi e noleggio autovetture con conducente
    • Teatri, sale da concerto e cinema
    • Convegni e fiere
    • Stadi, palestre, piscine e impianti sportivi
    • Discoteche, sale da ballo e nightclub
    • Organizzazione di feste e cerimonie.

    La condizione per accedere al contributo è rimasta la stessa del Decreto Rilancio, ovvero che fatturato e corrispettivi di Aprile 2020 risultino inferiori ai due terzi dell’ammontare di fatturato e corrispettivi di Aprile 2019, condizione che non si applica a quei soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal primo Gennaio 2019.

    Per i soggetti già beneficiari del contributo ex Decreto Rilancio, l’Agenzia delle Entrate provvederà ad accreditare il nuovo contributo direttamente sul conto corrente già comunicato.

    Per coloro i quali non avessero presentato richiesta per il contributo ex Decreto Rilancio, sarà invece necessario presentare apposita istanza esclusivamente per via telematica, appena l’Agenzia riattiverà il canale informatico.

    La misura del contributo è calcolata applicando un moltiplicatore a quanto già erogato in occasione del precedente fondo perduto, a seconda dell’attività svolta, ovvero:

    • 100% per taxi e noleggio con conducente;
    • 150% per alberghi e attività turistico-ricettive, bar, gelaterie e pasticcerie;
    • 200% per ristoranti, teatri, sale da concerto e cinema, convegni e fiere, stadi, palestre, piscine e impianti sportivi, organizzazione di feste e cerimonie;
    • 400% per discoteche, sale da ballo e night club.
  • Credito d’imposta canone di locazione immobili non abitativi

    Credito d’imposta canoni di locazione immobili non abitativi

    Il credito d’imposta introdotto dal Decreto Rilancio per le mensilità di marzo aprile e maggio (e successivamente ampliato a giugno) pari al 60% del canone di affitto versato, è riconosciuto, all’articolo 8, anche per i mesi di ottobre, novembre e dicembre, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente, a condizione che l’attività esercitata rientri in quelle comprese nell’Allegato 1 (Codici ATECO).

  • Sospensione versamenti previdenziali e seconda rata IMU

    Sospensione versamenti previdenziali e seconda rata IMU

    L’articolo 13 dispone la sospensione dei termini relativi ai versamenti di contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria per la competenza del mese di novembre 2020.

    La sospensione si applica però solo ai datori di lavoro appartenenti ai settori di attività ricompresi nell’Allegato 1 (Codici ATECO).

    I versamenti così sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, entro il 16 marzo 2021 in un’unica soluzione o mediante rateizzazione fino a 4 rate mensili di pari importo, con versamento della prima entro il 16 marzo 2021.

    L’articolo 9 dispone che per l’anno 2020 non è dovuta la seconda rata dell’IMU (in scadenza il 16 dicembre 2020) per quegli immobili e relative pertinenze ove vengono esercitate le attività di cui all’Allegato 1 (Codici ATECO) a condizione che i proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

    La disposizione va ad aggiungersi a quella già stabilita per i conduttori di alberghi e attività turistico recettive in relazione alla prima rata dell’IMU.

  • Altre disposizioni varie

    Altre disposizioni varie

    Sospensione procedure immobiliari prima casa

    All’articolo 4 viene disposta la sospensione, sino al 31 Dicembre 2020, di ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare avente ad oggetto l’abitazione principale del debitore.

    Proroga Modello 770

    L’articolo 10 dispone la proroga al 10 dicembre 2020 del termine per la presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta relativa all’anno 2019, originariamente previsto al 31 Ottobre 2020.

    Cassa Integrazione e Divieto di licenziamento

    Per quei datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività lavorativa a causa dell’emergenza epidemiologica, l’articolo 12 dispone un nuovo trattamento di cassa integrazione, per una durata di sei settimane nel periodo 16 novembre 2020 – 31 gennaio 2021.
    Il divieto di licenziamento viene contestualmente prorogato al 31 gennaio 2021, anche se il Governo sembra aver già disposto un ulteriore allungamento al 31 marzo 2021.

    Indennità

    Nuove indennità sono disposte dagli articoli 15 e seguenti per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e sportivi.

    II acconto ISA

    Seppur contenuto nel precedente Decreto Legge 14 agosto 2020 n. 104, si ritiene utile ricordare, data l’imminente scadenza, che il versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi e dell’IRAP, è prorogato al 30 aprile 2021, per coloro che esercitano attività economiche soggette agli Isa, a condizione di aver subito, nel fatturato o nei corrispettivi del primo semestre 2020, una diminuzione di almeno il 33% rispetto al primo semestre 2019.

Silvia Maria Calcioli, commercialista presso lo Studio Calcioli a Roma.

Per pareri e consulenze, troverete tutti i riferimenti per contattare Silvia Maria Calcioli nella pagina Contatti del sito.

CategoryCOVID-19
© 2015 Silvia Maria Calcioli | P.iva 00903470573